COMUNICATO STAMPA

Roma – In merito alla quotazione in borsa dell’acqua è intervenuto il movimento politico ecologista confederato ‘Più Eco‘ con una nota stampa: “Il capitalismo spudorato se si insinua tra gli elementi naturali primordiali Fuoco, Acqua, Terra, Aria, come sta accadendo alla borsa statunitense di Wall Street con le prime quotazioni dell’acqua, metterà certamente una pesante ipoteca sul futuro e sulla speranza delle generazioni future. L’acqua è e deve rimanere un bene dell’umanità inalienabile che non può essere oggetto di proprietà né tantomeno di compravendita, ci sono già troppe guerre nel mondo dovute all’accaparramento delle risorse economiche, prima tra tutte il petrolio, e l’uomo deve perseguire la pace altrimenti sarà la sua fine. La quotazione dell’acqua aumenterebbe ancor di più il rischio di guerra tra i popoli, l’acqua deve essere intesa come diritto costituzionale e universale Fondamentale; essa deve restare libera per tutti gli esseri viventi del Pianeta e non può diventare una squallida merce di scambio delle multinazionali capitaliste” – dichiarano alla stampa il Presidente nazionale Vincenzo Galizia, il Coordinatore Macro Area Alberto Crapanzano e la responsabile nazionale per le politiche ambientali dott.ssa Eugenia Belluardo – “Secondo un recente rapporto dell’Unicef, si stima che 1 abitante del pianeta su 10 non abbia ancora un accesso sicuro all’acqua, pertanto sarebbe necessario che al centro dei finanziamenti e delle pianificazioni internazionali dei governi ci fosse l’obiettivo comune di ridurre tale squilibrio per permettere che tutte le comunità, soprattutto le più vulnerabili del mondo abbiano un libero utilizzo dell’acqua potabile. La non attuazione di tali piani di investimento significherebbe mettere a repentaglio decenni di progressi a discapito delle generazioni future. L’acqua è tutto, primaria essenza della vita, noi stessi siamo acqua visto che il nostro corpo è costitutito per il 60% da essa. Una quotazione in borsa significherebbe la fine di un diritto universale e la definitiva svolta verso il male sulla terra. Blocchiamo questa assurda manovra delle Multinazionali, spinti e guidati come sempre dal dio-denaro. Tutti coloro che amano questo Pianeta si battino affinchè l’acqua rimanga libera per tutti gli esseri viventi. Servono scelte sagge che devono avere un unico obiettivo preservare tutta la vita sulla Terra. Noi di Più Eco siamo nati anche per questo motivo” conclude la nota stampa del movimento ‘Più Eco – Ecologisti Confederati‘.

Visite totali questa pagina: 816 – Visite oggi questa pagina: 1 – Visite totali al sito: 106.147. GRAZIE!